drinks my beach nusa ceningan
VIAGGI,  ASIA,  Indonesia

Le Isole Nusa: Lembongan, Ceningan e Penida

Arrivo all’aeroporto di Bali

Il nostro itinerario indonesiano include come prima tappa le isole Nusa: Lembongan, Ceningan e Penida.

Era la sera del 16 agosto 2019 quando ci incontrammo dopo tanto tempo, all’aeroporto internazionale Ngurah Rai di Bali. Lisa, aveva finalmente solcato la soglia degli arrivi, dopo un viaggio infinito dall’Italia, costellato di ritardi ed imprevisti. Mentre Maddalena, arrivata bel bella dalla Malesia, già da due ore e affamatissima, era intenta a procacciare del cibo. Tanta era la fame che si buttò su un caro e occidentalissimo menù “panino e coca-cola”.

Conscia di esser stata spennata, ma finalmente appagata, nel frattempo era finalmente arrivata la mia compagna di viaggio. Che gioia dopo tanti mesi! Era la seconda volta che viaggiavamo assieme: La prima fu nel lontano 2011 ad Andros in Grecia, un’isola poco nota al turismo di massa, come piace a noi. Attirate dall’atmosfera orientale, dai colori della natura e dai meravigliosi hotel-capanna in bambù sul mare, ci siamo avventurate verso questa tanto gettonata destinazione. Nonostante ciò, abbiamo studiato un itinerario in linea con la nostra tendenza “snob” a fuggire dalla folla e dalla calca. Siamo pronte per la nostra prima tappa del nostro viaggio indonesiano, le isole Nusa: Lembongan, Ceningan e Penida.

Leggi anche: Cosa vedere a Bali: sei giorni tra Ubud e Seminyak e Gili Air: l’isola-paradiso per yoga, cibo healthy e slow life.

Tra sim cards, cambio soldi e tassisti indonesiani

La nostra avventura cominciò con la ricerca di una compagnia telefonica che potesse fornirci una sim card a buon prezzo e di un money-exchange. I prezzi all’interno dell’aeroporto, come da ogni altra parte del mondo, sono chiaramente sempre più alti. Se non avete necessità urgenti, uscite dall’aeroporto per comprare qualsiasi cosa o cambiare denaro: i prezzi e le commissioni si dimezzano! Noi purtroppo fummo costrette ad acquistare tutto in aeroporto a causa dell’ora tarda e della partenza all’alba il giorno seguente per Lembongan, isola satellite di Bali e con molti meno servizi. Completata l’operazione, ci dirigemmo all’uscita dell’aeroporto e dopo lunghe trattative con diversi tassisti, saltammo finalmente su taxi. Questo ci ha condotto fino al nostro hotel nei pressi dell’imbarco per Lembongan. Arrivate all’hotel crollammo a letto distrutte.

NUSA LEMBONGAN

Perché abbiamo scelto Nusa Lembongan?

All’indomani, dopo una notte insonne a causa del fuso orario, ci alzammo al sorgere del sole per recarci al porto di Sarangan, dove ci saremmo imbarcate per Nusa Lembongan. Sapevamo che il mare di Bali non era tra i migliori, motivo per il quale abbiamo incluso nel nostro itinerario alcune isole vicine con mare cristallino. Nusa Lembongan, si è rivelata una scommessa vincente, oltre ad una meravigliosa scoperta, soprattutto per la dolcezza e la calda ospitalità dei locali.

 

Il nostro alloggio, The Seaman Garden Hut’s, è situato appena fuori dall’insediamento principale dell’isola ma comunque vicino a Tamarind Bay e Mushroom Bay. Questo semplice alloggio ci apparve come un angolo di eden: subito fummo ammaliate dalla presenza all’entrata dei canang sari, le offerte agli dei attraverso cestini intrecciati a mano, riempiti di fiori e riso dai padroni di casa. Per non parlare dalle capanne in legno che si intrecciavano armoniose con la ricchezza della vegetazione e fiori del giardino. Subito ci venne incontro il

proprietario, che con un gran sorriso sempre stampato sul viso, ci condusse alla nostra capanna. Che sogno! Fiori sul letto, sui bicchieri, sul lavandino, fiori ovunque! Le strade, la gente del posto sorridente e il profumo di nasi goreng nell’aria, creavano un ambiente rilassato e sereno. Tutto ciò non faceva che alimentava la voglia impellente ed incontenibile di andare alla scoperta dell’isola.

Punti d’interesse di Nusa Lembongan

Il giorno stesso decidemmo di fermarci a mangiare all’elegante Sunset Bay Bech Hotel, in prossimità di Sunset Point per poter ammirare il meraviglioso tramonto che quella posizione sopraelevata offre. Il giorno seguente, evitando

accuratamente Tamarind Beach e Mushroom Bay, affollate e trafficate da un via vai continuo di imbarcazioni, ci incamminammo verso Dream Beach, spiaggia un po’ pericolosa per la balneazione, essendo piena di rocce sui fondali, ma appartata e frequentata dalla popolazione locale che con la bassa marea si reca alla raccolta di piccoli crostacei nascosti tra la roccia. Un altro ottimo ristorante dove cenare nei pressi di Mushroom Bay è Hai Ri Zen. Il menù ricercato ma a prezzi accettabili considerata l’unicità della location. Ovviamente non può mancare la classica scorpacciata nei tipici warung, ristorantini a conduzione familiare che servono piatti tipici indonesiani. Credeteci, non hanno assolutamente nulla da togliere ad un qualsiasi ristorante di alto livello!

NUSA CENINGAN

Il terzo giorno, in tre su un motorino, ci facemmo lasciare dal nostro proprietario all’inizio del Yellow Bridge, il ponte che collega Nusa Lembongan a Nusa Ceningan. A piedi varcammo il ponte, inoltrandoci in alcune strade dell’isola finchè non fermammo a contemplare un paesaggio a dir poco spettacolare! Ci trovavamo a Song Tepo Beach, un lungomare punteggiato da moltissimi ristoranti e cafè con l’immancabile altalena in mare. Individuato il beach bar che più ci piaceva dal nome My Beach Warung Ceningan, planammo sui pouf in riva al mare per il resto della giornata. Purtroppo, essendo quella la nostra ultima giornata disponibile per visitare Ceningan, non ci fu il tempo necessario per visitare altre spiagge degne di nota come Blue Lagoon e Secret Beach.

NUSA PENIDA

La giornata seguente saremmo andate in giornata a Nusa Penida, isola selvaggia e ricca di scorci e panorami naturali mozzafiato. Arrivate con una barca all’isola, ci accolse la nostra guida che ci avrebbe portato nei seguenti luoghi:

  • Kelinking Beach
  • Broken Beach
  • Angel’s Billabong
  • Crystal Bay

Spostarsi per l’isola è davvero difficile e poco confortevole. Ci si muove in jeep o in motorino lungo strade sterrate. Un tagadà continuo! A fine giornata ci sembrò di esser uscite dalla centrifuga della lavatrice, ma quanto avevamo potuto apprezzare durante la gita, compensò ampiamente la sensazione di “mal di terra” che ci pervadeva.

Nusa Penida colpisce per la bellezza dei paesaggi e l’immensità della natura, tra coste alte e frastagliate e il mare selvaggio, talvolta impetuoso che si infrange sulla roccia, creando scenografie davvero uniche. Un po’ ovunque è possibile vedere le mante, animale davvero affascinante che si muove con sinuosità ed eleganza tra le onde.

E’ possibile fare immersioni per vedere da vicino la “danza” di questo animale, grazie ai numerosi tour operator dell’isola che organizzano questo tipo di attività. Noi abbiamo potuto osservarle solo dall’alto a Kelinking Beach e da quella volta ci siamo ripromesse di ottenere un brevetto per le immersioni per poterle vedere un giorno da più vicino.

Se cercate consigli più dettagliati su cosa fare nelle isole Nusa: Lembongan, Ceningan e Penida non esitate a contattarci o lasciateci un commento qui sotto!

6 commenti

  • Rossella

    Meravigliose queste isole! Non le conoscevo! Sta maturando sempre più in me la voglia di andare a Bali ora… l’avevo scartata per il mare, visto che anche a me non sembra eccezionale, sebbene incuriosita dall’Isola. L’idea di abbinare Bali a queste isole è perfetta (wow che posti!)

    • alittlesidetrip

      Allora ti consiglio di unire queste isole, le Gili o Lombok (meno turistica) alla tua visita a Bali!

  • paola

    Sono stata a Bali una vita fa: non credo ci fosse la possibilità di visitare queste isole (le Gili erano ancora senza luce elettrica e Ubud era un’intricata foresta). E’ forse giunto il momento di verificare come siano cambiate le cose negli ultimi 25 anni? Io credo di si…

    • alittlesidetrip

      Wow! E’ intrigante pensare a come era completamente diversa e anche più selvaggia anni fa! Forse sì, vale la pena ritornarci e vedere un pò se non ha ancora perso la sua anima 🙂

  • Julia

    Ero stata a Bali e anche in escursione a Lembongan. Tantissimi anni fa tant’è che ora avrei voglia di tornarci, sono sicura sarà cambiata tantissimo

    • alittlesidetrip

      Sicuramente era molto meno turistica allora! Però consiglio sempre di tornare in posti dove mi sono trovata bene come as Lembongan😊

Se ti fa piacere lasciaci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: